Coinvolgere i manager nella formazione aziendale | HRelevant #13

HRelevant | 14 Dic 2023

Coinvolgere i manager nella formazione aziendale | HRelevant #13

HRelevant | 14 Dic 2023

Indice

Clicca per scorrere alle sezioni
  • Formazione e management: sono allineati?
  • Alcune soluzioni
  • Takeaways
  • Job board

In questa puntata di HRelevant (la precedente la puoi trovare qua) approfondiamo come creare coinvolgere il management nel processo di formazione.

In molte organizzazioni, il top management spesso percepisce la formazione come poco rilevante per il conseguimento degli obiettivi aziendali, arrivando persino a considerarla una perdita di tempo. Questo atteggiamento si traduce non solo in un coinvolgimento insufficiente da parte dei collaboratori, ma porta anche a situazioni in cui le persone si trovano a dover investire tempo extra al di fuori dell’orario di lavoro per potersi formare.

Cosa può fare quindi l’HR in questo senso?  Lo vediamo insieme!

Formazione e management: non sempre sono allineati

Nel mondo del lavoro attuale, la formazione assume un ruolo cruciale nel delineare il futuro professionale.

Il 19 ottobre, Lacerba insieme a Radical HR hanno organizzato il primo evento insieme, coinvolgendo oltre 50 esperti ed esperte del settore. L’obiettivo? Esplorare il Futuro del Corporate Learning nell’anno a venire.

Durante l’evento, sono stati identificati diversi problemi che chi si occupa di formazione deve affrontare. Tra questi, si è evidenziato in alcune aziende uno scarso coinvolgimento del management nella gestione della formazione. Spesso, sono proprio i manager a fungere da principale intermediario tra chi progetta i programmi formativi e chi li utilizza. Insieme ai nostri ospiti, ci siamo quindi concentrati su alcune domande chiave per esplorare più a fondo questo argomento.

  •  I manager ascoltano davvero le esigenze delle persone?
  •  Mettono la formazione tra le priorità?
  • La formazione è imposta dall’alto o è richiesta dal basso?
  • Le persone hanno il tempo per formarsi?

Da questo confronto è emerso che spesso molti manager non sostengono con forza la formazione e, senza il loro supporto, diventa difficile creare una cultura aziendale che promuova un apprendimento costante.

 Questo diventa un problema particolarmente serio quando sono solo i manager a decidere quali corsi far fare ai propri team, e di conseguenza talvolta la formazione viene attivata solo se richiesta dalle risorse stesse.

Considerando anche la prospettiva delle persone, queste spesso lamentano di non disporre del tempo necessario per seguire i corsi. Di conseguenza, i manager dovrebbero riconsiderare il tempo a disposizione di ciascuno, insieme agli obiettivi e ai carichi di lavoro, per rispondere a questa esigenza.

Alcune soluzioni

L’HR in questo senso ha un ruolo chiave nel plasmare la cultura aziendale, soprattutto quando si tratta di affrontare le sfide della formazione e dell’apprendimento.

Ecco cinque strategie che si occupa di formazione potrebbe adottare:

Favorire un dialogo aperto con il management per comprendere meglio le loro prospettive e dubbi riguardo alla formazione proposta.

Offrire supporto e strumenti per potenziare la leadership, incoraggiando una mentalità orientata all’apprendimento. L’obiettivo è quello di farli diventare gli ambassador della formazione stessa.

 Coinvolgere attivamente il management nella definizione dei corsi e nella strategia di formazione.

Suggerire di dedicare specifici momenti al team per la crescita professionale poi, man mano che si sviluppa una cultura dell’apprendimento, si può lasciare del tempo libero alle persone per formarsi quando vogliono.

Supportare i manager attraverso il coaching. L’obiettivo è sfidare i pregiudizi sulla formazione, favorendo lo sviluppo di un mindset orientato all’apprendimento. Il coaching è anche uno strumento prezioso per identificare bisogni formativi e co-costruire percorsi professionali.

Se vuoi approfondire l’argomento, puoi scaricare il report “Il Futuro del Corporate Learning 2024” prodotto da Lacerba e RADICAL HR. Lì troverai ulteriori informazioni per affrontare questa sfida in continua evoluzione.

Takeaways

Abbiamo visto come l’HR possa agire come un ponte vitale, facilitando la comunicazione e la comprensione reciproca tra i vari livelli aziendali.

Il nostro obiettivo dev’essere quello di creare un terreno fertile in cui la formazione non sia semplicemente una scelta tra molte, bensì un pilastro essenziale per lo sviluppo sia individuale che aziendale.

Attraverso l’analisi e la condivisione aperta di prospettive, l’HR può quindi svolgere un ruolo chiave nel promuovere l’impegno attivo dei leader aziendali nei confronti della formazione.

Questo tipo di coinvolgimento strategico può trasformare la percezione della formazione da un costo ad un investimento, dando vita a una cultura organizzativa che valorizza e incoraggia l’apprendimento continuo come elemento fondamentale per il successo aziendale.

Hai delle posizioni aperte nella tua azienda? Pubblicale gratuitamente all’interno della nostra job board!

 

Prima di concludere l’articolo, un ultimo messaggio che spero possa esserti utile! Da qualche giorno è possibile pubblicare le posizione aperte nella tua azienda all’interno della job board di Lacerba, uno strumento dedicato agli oltre 100.000 iscritti alla nostra piattaforma B2C. Un modo semplice e nuovo per raggiungere potenziali talenti da integrare in azienda!

Per farlo basta compilare il form con tutti i dettagli della figura ricercata.

Se hai più di una posizione aperta che vuoi inserire nella nostra job board, una volta compilato il form, dovrai uscire e compilarlo nuovamente per la seconda posizione!

Condividi:
Michele

Michele

Tendo a farmi attirare da tutto ciò che mi sta attorno, ma amo solo ciò che riesce a catturare la mia concentrazione, ad azzerare ogni mio altro pensiero. Lacerba è sicuramente un progetto che amo.

Scopri i corsi di
Lacerba per iniziare
la tua carriera nel
digitale

Ho letto l’Informativa Privacy e desidero vivere un’esperienza Lacerba ottimizzata (ricezione di news, sconti e promozioni personalizzate)*

Gli ultimi articoli

Skill mismatch: come affrontare il disallineamento delle competenze in azienda

Skill mismatch: come affrontare il disallineamento delle competenze in azienda

Lo skill mismatch è l’incongruenza tra le competenze necessarie e quelle possedute dalle risorse di un’azienda. Questa discrepanza può verificarsi in diversi modi: come una mancanza di competenze specifiche richieste per determinati ruoli lavorativi, un eccesso di competenze in settori dove la domanda è bassa o un divario tra le competenze richieste in una determinata regione e quelle presenti tra i lavoratori locali.

leggi tutto
Riconoscere e affrontare il burnout lavorativo: guida pratica

Riconoscere e affrontare il burnout lavorativo: guida pratica

Il burnout è una condizione fisica e psicologica che si manifesta in seguito ad uno stress cronico e prolungato legato alle attività lavorative. Si tratta di un fenomeno spesso associato a contesti lavorativi caratterizzati da un carico di responsabilità elevato, pressioni costanti, mancanza di controllo sul proprio lavoro e un ambiente poco confortevole.

leggi tutto